Il palazzo fu costruito dalla famiglia Gentile ai primi del '600. Attualmente è sede di una banca.
La facciata che si estende sull'attuale c.so Garibaldi, è divisa simmetricamente dal monumentale portone d'ingresso sormontato dall'unica loggia e da una grande finestra balconata.
Ai due lati si aprono ben sedici finestre, otto per lato nel numero di quattro per piano.
Il primo piano è a bugnato rustico e le finestre rettangolari si aprono semplicemente sul paramento senza alcuna cornice.
Il piano nobile è diviso da quello terreno da una cornice in pietra su cui è inciso il nome del committente e la data di fondazione dell'edificio.
Il piano superiore si presenta liscio e compartito dalle finestre.
Esse si presentano coronate da timpani spezzati e ricurvi da cui si dipartono fregi curvilinei e modanati ciechi in stile barocco e probabilmente successivi aggiunti successivamente.